Lo vico

Scritto da Giuseppe Liuccio. Postato in Giuseppe Liuccio: Tanno e mo

Lo vico addo' so' nato era na festa
chere belle jurnate re stagione
co mammarella ca filava stoppa
nziemi a tant'ate vecchie scusciulate
ra l'anni, la fatìa, ra li stienti.
Facìano cunti re li tìempi antichi,
re uerre, re micìri, re breanti.
Nui auti criaturi tutti quanti,
iucavamo a la senga, a sbattimuro,
a la semana, a uno mponta l'uno,
a scova a scova, a bombolo, a le stacci.
Lo sole r'oro ne iumbava 'mbacci.
Chiù grussicieddi nzimma 'no passetto
iucavamo a la stoppa, a sett'e miezzo,
a la bestia, a tressetti, a lo mazzetto.
E quacche vota ca furnìa a sciarri
faciamo pace prima re fa notte.
E si 'ntennava a muorto 'na campana
faciamo a gara pe nne veste a lutto
co cammiso, cordone e lo muzzetto
p'accompagnà lo viecchio ch'era muorto.
Quann'era festa, le campane a gloria,
purtavamo lo stemma mprucessione
vestuti russi cu ricami r'oro.
A vint'anni partèmo pe surdato:
Albenga, Trieste, Bari, Pordenone,
Orvieto, Ancora, Pisa, Monfalcone,
città addò nisciuno nc'era stato.
A uno a uno ne une iemmo fore.
Assavolammo pe truvà fortuna.
Lassammo lo paese a malecore.
Ogni tanto, si torno inta lo vico
addò iucava a senga, a sbattimuro,
senza sapé pecché, pe 'nu mumento,
chiamo pe nome tutti li cumpagni:
Mario, Giuvanni, Stefano, Riccardo,
Francisco, Peppo, Ciro, Mauruccio...
Chi se nn'è ghiuto a Roma, chi a Milano;
chi a l'estero ha truvato 'na furtuna;
chi l'ha tentate tutte, a una a una,
senza mai strenge niente inta le mmano.
Nc'é chi reposa inta na cappella
e rire mposa, bello, soddisfatto,
co 'no lumino mbacci 'no ritratto.

Pure mosera, nc'é la luna ncielo,
attuorno nc'é n'addore re campagna,
è tiempo re stagione; come tanno
ve chiamo a uno a uno; e pe lo vico
me pare re veré 'na bella morra
re criaturi co la vampa mbacci
ca iocano a le stacci, a scova scova,
sotta li raggi re la luna nova.

Me ricordo...

Scritto da Giuseppe Liuccio. Postato in Giuseppe Liuccio: Tanno e mo

Me ricordo 'no piesciolo re cerza,
nu fuculiri chino re verduchi,
'nu trepano, 'no vango, 'nu tiano.
Mbacci lo muro appisi: na fuscedda,
na seta, 'nu cernicchio e lo vrularo;
li cavatielli nzimma lo tumpagno
e 'na tiella grossa ca vuddìa.
Nzimma lo puoi, sotta lo mesale,
chiù ghianco re la neve re iennaro,
la nsalatieri cupa co la carne:
'nu bello addo co la centa rossa
scututo co lo ggrano, a cuocci a cuocci.
Mamma, poza ra fore e vampa mbacci,
ruciuliava la carne ca friìa;
e r'addore la casa se inchìa.
Co 'no tuttolo mmano e 'na paletta
i' attizzava fuoco e poi sciusciava.
E screma la tavola spannìa.
E patrimo a la porta s'arranzava
co n'arciola mmano ca rirìa.

Mammarella Tresa

Scritto da Giuseppe Liuccio. Postato in Giuseppe Liuccio: Tanno e mo

E mammarella Tresa int'austo
facìa le mulegnane mbuttunate
co caso, ova, pane e putrusino.
E me ricordo pizze co li iuri
re le cocozze cuoti inta l'uorto
prima r'assì lo sole, la matina.
Che bell'addore inta la cucina!
Quanta priezza pe li cavatielli
cunzati co lo suco re castrato!
Che addore si cucìa la ciambotta
co fasuli, cepodde e mulegnane,
cocuzzi, peperuoli e le patane,
accio, vasilicoia e putrusino,
nu poco re pepaolo; e lo vino
se nne scinnìa sulo forte e tuosto
chere belle iurnate int'austo.

Na zoria co no recce nfronte

Scritto da Giuseppe Liuccio. Postato in Giuseppe Liuccio: Tanno e mo

Na via stretta fatta a manechiane,
'na casa cu le ggrale e 'no passetto,
cu prete ianche, tutte a facci vista.
Chiù abbascio 'no catui e 'nu vuttaro.
Na bella zoria co 'no recce nfronte
rire affacciata nzimma 'na funestra,
coglie 'na rosa rossa inta 'na testa.
Lo sole trase a sguincio inta lo vico
stenne coperte r'oro pe la festa
ca maggio ha preparato pe n'amore
ca sta scuppanno arreto a 'na funestra.
La sera, a notte, mpere 'no ceraso,
sotto 'no murecene inta l'uorto
la zoria nnamurata se scommoglia
stesa nzimma 'nu lietto re vetaglie.
L'agrilli a coro cantano e la luna
veste r'argiento lo lietto re sposa,
addo la zoria s'è curcata zita
e s'auza mamma, amante e cangia vita.
E' n'ato maggio, nn'è passato tiempo!
Nc'è sempe chera casa co le ggrale,
lu vico, lu vuttaro, la funestra.
Ma nun c'è chiù la rosa inta la testa.
Chi sa che nn'é re chera zoria bella
cu l'uocchi niuri e cu nu recce nfronte
ca mme carette mbrazza inta l'uorto.
E' n'ato maggio. Nn'é passato riempo!
Penso a 'na zoria cu nu recce nfronte
ca coglie rose rosse inta na testa,
rire affacciata nzimma na funestra.