Letteratura

Tanno e mo

Postato in Giuseppe Liuccio: Tanno e mo

E tanno inta le ccasi nc'era tutto:
la seta, lo cernicchio, lo tumpagno,
la matra bella forte e lo cascione
pe nce tenè lo ggrano la vernata.
Nc'era lo furno inta lo puntone.
Tanno mamma ammassava 'na semana
'nu maccaturo ncapo re fustagna,
'nu sino ianco come la vammace -
pe ffà vescuotti, tortani e panelle.
E mammarella me facìa cunti.
Assettata a lo piesciolo cusìa,
aspettanno lo vicci ca cucìa.
Mo' nu c'è cchiù o fumo inta le ccasi
e la spesa se face a la potea.
Lo sapore n'é chiro re na vota,
quanno mamma a lo vuccolo spiava
pe berè lo ppane si criscìa
e r'addore la casa se inchìa.


Tanno a Natale, Pasca e Ferrausto
'ncappavamo 'na scianga re 'addina.
Mangiavamo la carna fore mano,
quanno se scapezzava 'na vaccina,
si s'acciria 'na crapa visciolosa
'no lupo scannava no vutieddo.
Mo' la chianga la truovi sempre aperta
come si fosse ogni ghiuorno festa.
Venne crapetti e puorci ogni stagione.
Tene vitello, polli a cacciagione.


Tanno nui criaturi puverieddi
iucavamo a la senga, a sbattimuro,
a mazza e piuzo, a morra, a scova scova,
a le stacci, a lo strummolo, a lo schiaffo.
Le criaturee mo' âno che seglie
tra bambole, trenini, soldatini,
strigli, mocci e pupazzi r'ogni specie.
Tanno nui ne spassavamo co nienti.
N'abbastava 'no niro re cardilli
'na mbilara rossa re morene,
'na corsa a pierdifiato inta le mmacchie
pe coglie 'na vrancata re ienestre.
Mo' la felicità s'accatta a peso.
Le mamme vano spisso a la potea
p'accontentà lo figlio ca peccéa.


Tanno le ccasi erano re preta.
No c'erano geometri o 'ngegnieri.
'Nc'era lo mastro ca pensava a tutto.
Fatiava co garbo e competenza.
Facia funestre, logge, scalinate,
archi co lamie, fuculiri a furni.
Lo mastrorascio re facía le pporte
co legnamo re cerza, re castagno,
re cierro, re ceraso, r'auliva.
Mo' basta na vutata e na girata
e nasceno palazzi a ogni pizzo.
So' tutti quanti brutti, arressosia,
co l'alluminio mbacci le funestre
e l'irmici re plastica pittata,
tonaca liscia a reccia pretrattata.


Tanno pe ddà 'no vaso a 'na figliola
stivi a lo mpuosto 'na serata sana
a l'acqua e viento mbacci 'no pontone
aspettanno cassía a l'accovuni
ra patre, matre, frate, zia a sore.
Li uagliuni re mo senza vreogna
fano l'amore puro pe la strata,
ra suli, ncumpagnia; la matina,
la sera, quanno é ghiuorno e co lo scuro.


Mo' come a tanno quanno more uno
se scasa no paese sano sano;
e quanno na figliola se mmarita
tutti vano a la festa re la zita.
Mo' come a tanno lo iuorno re festa
la chiesia é chiena pe sente la messa;
e quanno la campana sona a gloria
pecché st'assènno la prucessione
ogni guaglione 'nsiemi co la zoria
nce vaie appriesso pe devozione.
Mo' come a tanno si 'no celentano
parte ra lo paese e vaie lontano
roppo no poco la malincunia
re face notte e ghiurno compagnia.
E re scarcedda 'mpietto 'no rolore.
Mo' come a tanno é nostalgia r'amore.
E' lo Ciliento ca no cangia core.